08 Lug

Versetto del Mese:

Seminate secondo giustizia e farete una raccolta di misericordia;
dissodatevi un campo nuovo,
poiché è tempo di cercare il SIGNORE,
finché egli non venga, e non spanda su di voi la pioggia della giustizia.

 

Osea 10,12

08 Lug

Welcoming Europe

Il 9 luglio si costituisce un comitato provinciale per la raccolta di firme in collaborazione con Arci e Acli. Aderisce anche la Chiesa Valdese di Como

 

08 Lug

Protestantesimo: Legge Basaglia 40 anni dopo

 Domenica notte 15 luglio ore 00:20
repliche lunedì notte 16 luglio ore 01:00
e lunedì 23 luglio alle 7:40 del mattino sempre su RaiDue

In questa puntata

Legge Basaglia 40 anni dopo

A quarant’anni dalla chiusura dei manicomi cosa è cambiato e quali sono i problemi? La legge Basaglia è stata la prima legge a dare dignità e diritti alle persone con disturbi mentali. Cosa è rimasto oggi di quella rivoluzione che ebbe inizio con Basaglia? E che cosa fanno le chiese evangeliche per ridare dignità ai malati psichiatrici?

conclude

Aiuto mia moglie è pastora

Clara e Thomas in una nuova avventura

Per rivedere le puntate visita il sito VIDEO Protestantesimo su Facebook indirizzo mail : protestantesimo@fcei.it ; protestantesimo@rai.it

08 Mag

la fede è certezza di cose che si sperano…

«Or la fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di realtà che non si vedono.»
(Ebrei 11,1)

 

Nella lettera agli Ebrei troviamo un’immagine particolare per parlare di Gesù: l’immagine del sommo sacerdote. Sembra un’immagine di un passato remoto. Le chiese della riforma hanno abolito i sacerdoti e introdotto il sacerdozio universale. Gesù, come sappiamo, ha sempre rifiutato il desiderio del potere dei suoi discepoli, ovvero il desiderio di occupare posti particolari nella sua chiesa (Marco 10, 35-45). Gesù, nella lettera agli Ebrei, appare come il sommo e unico sacerdote di Dio, perché, come dice la lettera, egli ha percorso i cieli. Gesù ha la vera conoscenza del Padre, che è nei cieli (come diciamo nel Padre Nostro). La posizione particolare di Gesù è dovuta anzitutto alla sua obbedienza alla volontà del Padre fino alla morte di croce. L’immagine di Gesù che siede alla destra di Dio (un’immagine che appare nel Credo) è l’immagine fissa della lettera che invita a correre “con perseveranza la gara che ci è proposta, fissando lo sguardo su Gesù, colui che crea la fede e la rende perfetta. Per la gioia che gli era posta dinanzi egli sopportò la croce, disprezzando l’infamia, e si è seduto alla destra del trono di Dio” (Ebrei 12,3). La lettera agli Ebrei ci esorta: partecipate alla gara, state fermi nella fede! Quello che caratterizza coloro che credono è la loro fede, la fede che hanno in Cristo come unico punto fermo di riferimento. Quando vediamo, nella fede, Gesù come unico nostro punto di riferimento, sparisce anche il desiderio di dover fare ruotare attorno a noi stessi tutta la chiesa. Ascoltare la parola di Gesù è il centro del culto. E per ascoltare la sua parola ci vogliono spazi e tempi particolari, ci vogliono persone disposte all’ascolto, persone disposte a parlare, affinché la parola di Gesù possa ancora essere una parola annunciata, meditata, condivisa e diffusa.

(A. Köhn)

01 Apr

Pace a voi! Come il Padre mi ha mandato…

Versetto biblico del mese

Pace a voi! Come il Padre mi ha mandato, anch’io mando voi» (Giovanni 20,21)

Così parla Gesù, alla fine del penultimo capitolo del Vangelo secondo Giovanni, alla stretta cerchia dei suoi discepoli che gli sono rimasti fedeli.
Sono davvero rimasti fedeli?
Giuda l’ha tradito, Pietro l’ha rinnegato, gli altri – tranne uno solo: Giovanni, il discepolo amato – l’hanno abbandonato, sono scappati, spariti nel nulla.
Tommaso, ancora dopo Pasqua, non ci crede e chiede di poter avere delle prove materiali. L’annuncio di speranza da parte delle donne discepole incontra solo scetticismo.
Ora, quel che resta del loro gruppo, si trova rinchiuso in una casa privata come in una tomba. Hanno paura. La loro storia è giunta alla fine.
In questo momento estremo è proprio il Maestro che di nuovo incontra i suoi discepoli. Gesù entra nel luogo dove si sono nascosti e affida loro la sua stessa missione: vi lascio questo ultimo mandato – andate nel mondo, come sono stato mandato e andato anch’io nel mondo. Gesù chiede ai suoi discepoli di assumersi la stessa responsabilità del divino mandato da lui ormai compiuto. La logica, la conseguenza di fede di questo mandato è spiegata già altrove nel vangelo di Giovanni: “Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna” (Giovanni 3,16).
Dio ha così tanto amato questo mondo che ha mandato suo figlio proprio in questo mondo. La comunità cristiana non è concepita dal suo Signore e Maestro come un circolo settario e chiuso di pochi eletti, ma come una realtà di fede che rimane aperta al mondo.

Essere oggi una chiesa cristiana vuol dire rimanere aperti a questo mondo, non chiudersi in sé stessi per paura o per pigrizia. La chiesa non è un luogo chiuso, una realtà posta fuori dal mondo. La parola Ecumene (dal greco οἰκουμένη) vuol dire semplicemente “mondo abitato”, “tutto il mondo”, “tutta la terra”. Concepiamo anche noi questo nostro mondo come il luogo concreto dove abita la nostra chiesa?
Oppure ci poniamo consapevolmente o inconsapevolmente su un altro o diverso livello? In che modo riusciamo ancora oggi ad essere fedeli all’ultimo comandamento di Gesù Cristo di essere una chiesa aperta e mandata nel mondo?

(A. Köhn)